Dicerie post-live: “Il Ponte dei Sospiri”

sfond

Dicerie post-live : “Il Ponte dei Sospiri”
Sabato 15 Aprile
Spazio Mast – Rho

 

PRIMA TORNATA

 

V Spedizione – Tende dell’Inquisizione
“… che succede ancora? Perchè così trafelata, mia cara?”
“Ho bisogno di dare confessione ufficiale all’Inquisizione, Maestro.”
“… Ossia?”
“Senza saperlo… perchè non potevo nemmeno immaginare fosse possibile una cosa del genere… l’ho fatta grossa. Enorme.”
“Entrate, Maestra Rochester. E sedetevi.”

Da qualche parte
“… ma veramente hanno chiesto come è fatto un pomo?”
“…”

V Spedizione – Accampamento della Grande Madre

“Plasmo l’arcano sapere… TAGLIO SPIRITUALE! Ariella… la runa! Al volo!”
“Presa! E ora fatevi sotto, luridi fantasmi… finalmente si gioca ad armi pari!”
“Katya, mio marito è sempre in piedi?”
“Lo vedo! Raggiungerlo è un’altra faccenda però!”
“Ci penso io… non morirà di nuovo! Plasmo l’arcano… e ora che nuova diavoleria è questa?”

V Spedizione – Tende Alchemiche
“Bene… innestato. E ora stiamo a vedere!”
“Se qualcuno può farli ricrescere anche nel Limbo, quella sei tu Gwen… e ora speriamo solo che Lev non si ricordi improvvisamente dei suoi archi di tasso!”
“Continuo a pensare che quell’albero di Tasso lui l’abbia perso tanto, tanto tempo fa…”
“E allora ottimo! Possiamo occuparci del prossimo problema pressante!”
“Il Dottore non è ancora tornato?”
“No!”
“Andiamo…”

V Spedizione – Accampamento Cambro
“Plasmo l’arcano sapere, TAGLIO SPIRITUALE! TAGLIO SPIRITUALE! TAGLIO SPIRITUALE!”
“Sorella… indietro! Ripiega!”
“Ripieghiamo? Dove, Signore? Non so se vi siete accorto ma siamo LEGGERMENTE bloccati qui! Attento!”
“Giu! Plasmo l’arcano sapere… TAGLIO SPIRITUALE! Aileen, hai frecce? Io sono quasi a secco!!”
“Tieni! Ma quanti sono? Sanzionatore? Un aiutino?”
“Un attimo… sono da voi… Plasmo l’arcano sapere, Ago degli spiriti! Fuori dai piedi! E ora… Plasmo l’Arcano Sapere… TEMPESTA SPIRITUALE!”
“Grazie, Sanzionatore. Veloci, prima che tornino… riorganizzare le linee! Ma… cos’è quel bagliore?”

V Spedizione – Accampamento Vallardo
“… e Matias mi prega di farvi sapere che, a quanto pare… ci siamo portati anche Don Alejandro nel limbo.”
“Chi?”
“Il traditore, Lorencillo… ma non avevamo risolto la cosa?”
“A quanto pare aspettavano un vostro ordine diretto, Donna Lèonor…”
“Ma… ma… perchè non ascoltano mai quando parlo?”

V Spedizione – Accampamento Ibrano
“I feriti, qui! Ce ne sono altri?”
“No, Maharani, Ashur sta tenendo indietro gli spiriti e siamo riusciti a recuperarli…”
“Bene. Attingo al potere dell’acqua, GELO GUARIGIONE RAGGIO 5! In piedi e armi alla mano, a farvele spalmare da Ankita! Qualcuno ha trovato il Maestro Sadiky? Perchè sarebbe molto utile in questo… dove sono finiti tutti?”
“Non ne ho idea, Maharani… ma qualsiasi cosa sia, sembrerebbe siamo salvi…”
“Saremo salvi quando avremo respinto con certezza il nemico. Armi pronte… finchè ci saranno quelle nebbie, non saremo al sicuro! Quanto detesto non riuscire ad aiutare in combattimento!”

V Spedizione – Tende Mediche
“…e quindi, questo è quanto, Dottor Cottle. O la gravidanza è molto agli inizi, e da un esame superficiale non mi è stato possibile rilevare nulla… o la signorina è effettivamente incinta di qualcosa di irregolare.”
“Di irregolare?”
“Boh… parlavano di corteccia d’albero, robe del genere.”
“Un parassita? Interessante… Franz, mi sa che è roba tua!”
“Dici, Waldy? Non so…”
“Ho detto forse, non ne sono sicura. Per questo volevo un consulto! Anche perchè la paziente è piuttosto come dire… restia a farsi visitare…dice che non possiamo capire… ”
“E allora mettetevi comoda, signorina Ankita. Non obblighiamo nessuno a farsi salvare la vita, da queste parti… Selezione naturale!”
“E poi… al massimo possiamo sempre studiarla da morta!”

V Spedizione – Accampamento Vallardo
“Capitano Malatesta, ne avete un po’ anche per me di quell’intruglio che avete spalmato sui vostri coltelli? La spada Belasco ha incredibilmente qualche problema contro i fantasmi!”
“Don Belasco, ma quale intruglio? State dietro di noi! Plasmo l’arcano sapere, Barriera Prismatica! Plasmo l’arcano sapere, Turbine degli Spiriti!”
“In nome di Apshur, Schivata Divina! Capitanooo? Lo portate indietro?”
“… e anche voi, Donna Lèonor, indietro! Non abbiamo proiettili adeguati a questo scontro! Dietro!”
“Detesto indietreggiare, Don Mesa! E poi… ”
“Cosa è stato? E dove sono finiti tutti quegli spettri?”

V Spedizione – Accampamento Imperiale
“Serrare i ranghi! Chi ha avuto le armi cosparse di polvere eterea nelle prime linee! GWEN! Le munizioni per i cannoni? Sono idonee ora?”
“Ci siamo quasi, Tribuno Generale! Ci siamo quasi! Maestra Clara, avete fatto?”
“Tuuutto prontissimo, ora possiamo scappare?”
“Si che potete… Voi due, indietro! Leonardus, è carico?”
“Pronto a sparare Signore!”
“Allora, al mio tre… ”
“Ehm… dove sono finiti tutti improvvisamente?”

Il Capitano Velazquez racconta – Capitolo 6: Vendetta!

D7000-13-2

Il capitolo 6 delle Cronache della Conquista del Capitano Salazar Velazquez

Vendetta, vendetta ed ancora vendetta, questo era il pensiero che accompagnava la spedizione vendetta contro il Dekken per le atrocità commesse contro l’umanità, doveva morire quel maledetto, come farlo ancora non lo sapevamo ma una cosa era certa mentre avanzavamo verso casa sua guidati dall’esploratore noto come V, o lui moriva o saremmo morti noi nel tentativo.

Continue reading

Il Capitano Velazquez racconta – Capitolo 5: Il Giudizio

D7000-4-2

Il capitolo 5 delle Cronache della Conquista del Capitano Salazar Velazquez

Corremmo in soccorso delle retrovie brutalmente attaccate dai Tasari e dal paziente zero finchè la nostra spedizione non venne circondata dalle nebbie, impenetrabili banchi di nebbia vagammo senza sosta immersi in questo mare bianco che negava anche al piu’ fine sguardo di vedere a distanza.

Continue reading

Il Capitano Velazquez racconta – Capitolo 4: Resistere o Morire

D7000-6-2

Il capitolo 4 delle Cronache della Conquista del Capitano Salazar Velazquez

Il frutto andava recuperato ad ogni costo, gl’esploratori avevano trovato un accampamento di umani, all’inizio sperammo fosse qualche spedizione antecedente alla nostra invece nulla erano nientemeno che Tasari schiavi fuggiti da Plexaras , nemici e ancora nemici ed un altra situazione con le spalle al muro per noi, tuttavia non ci perdemmo d’animo! Continue reading

Il Capitano Velazquez racconta – Capitolo 3: Il frutto della Vita

D7000-33

Il capitolo 3 delle Cronache della Conquista del Capitano Salazar Velazquez

Avanzare! questo era l’ordine altre terre andavano conquistate e soprattutto un nuovo nemico si era palesato, dichiarandoci guerra e rapendo l’Alto Notaio Perè Gorkà, altri non è che Gerrard Von Dekken!
Si quel Dekken creduto deceduto anni fa, invece è ancora vivo pronto ad ucciderci. Continue reading

Il Capitano Velazquez racconta – Capitolo 2: Dalle Profondità della Terra

1

Il capitolo 2 delle Cronache della Conquista del Capitano Salazar Velazquez.

Ivi vi racconterò le vicende che portarono alla conquista della terra ora nota come Oblast delle Lingue Arse del Boiardo Lev, giunti in quell’angusta terra casa ancora una volta di immonde e maledette lucertole, la spedizione dovette lottare alacremente prima di riuscire a mettere piede sicure nella territorio.

Continue reading

Il Capitano Velazquez racconta – Capitolo 1: Verso l’ignoto

D7000-2-2

Il capitolo 1 delle Cronache della Conquista del Capitano Salazar Velazquez

Dopo L’oblast d’Ivika e i suoi orrori ora sconfitti, la V spedizione si mosse verso terre inesplorate, sconosciute e pericolose.
Dopo settimane di marcia ormai a corto di cibo ed acqua , i coraggiosi armati giunsero ad un passo il quale dominava una valle, fu così che cercando sostentamento la spedizione scese , ma ad accoglierla trovarono un gran numero di uomini lucertole, orribili creature di aspetto umano ma coperte di scaglie e occhi rettiloidi.
Ma nulla poteva fermare la spedizione decisa a conquistare la valle! dopo aspri combattimenti le lucertole furono vinte e la spedizione potè riposare.

Continue reading

Capitolo II – Alle porte dell’inverno

Fdlx-10_27042014_d7000

Ma ciò che vi ho presentato prima non furono gli unici accadimenti di quella giornata, propizia o funesta sarà soltanto il tempo a dircelo.
Infatti Pere Gorkà si ripresentò con notizie allarmanti, la Quarta Spedizione non dava più alcuna risposta oramai da qualche mese. Così egli per nome della Serenissima decise di far valere la sua autorità e di far deviare la Quinta Spedizione da quella che era la strada scelta originariamente.

Essi avrebbero dovuto attraversare
LA CONTEA DI PLEXARASS

Continue reading

Capitolo I – La firma del Trattato

D7000-15

Vi è dunque un metodo migliore per narrare la storia che non quello di cominciare dal principio?
La cronologia dei fatti qui riportati farà riferimento come principio all’atto costituente vero e proprio della spedizione quinta , svoltosi nella città di Fort Dekken sita sull’Isola di terranova, porto franco della compagnia e testa di ponte verso il Nuovo Continente.
Qui, nella magione dell’Alto Notaio della Serenissima Compagnia Del Mare e Delle Spezie, Pere Gorkà i Rappresentanti dei Cinque Regni e responsabili della spedizione quinta si ritrovarono al fine di concludere l’accordo e stipulare quello che è il trattato che di fatto vincola la quinta spedizione come le precedenti e quelle a seguire.
Per tanto i cinque rappresentanti:
Sir Arthur Lloyd, rappresentante del regno di Cambria,
Patrizio Quinto Aquila, rappresentante dell’Impero Arsiade
Alì al Khaest rappresentante del Califa di Ibra
Castillar Bergon Xuan dy Alava, rappresentante della Royass dy Vallarda
Vara Boris IV di Kranat rappresentante della Grande Madre Nizvinia
Nel giorno undicesimo del nono mese dell’anno duemilaquattrocento e undici sottoscrivono secondo il seguente testo ( copia in bianco del trattato è stata richiesta in modo da poterla integrare direttamente nel testo come: Appendice A voce I: iltrattato)

Continue reading

Prefazione a cura del Bibliotecario Rahamad Ibn Hassur

cronache-1

Non vi è mistero più grande di quello che ogni giorno noi viviamo.
Parte integrante e stimolo stesso della storia, ogni nostro giorno e ogni nostro gesto è come un granello di sabbia nell’infinito deserto del tempo .
Può esso sembrare inutile o uguale a dieci , cento o mille granelli di sabbia, eppure setacciando l’intero deserto non ve ne troveranno due uguali.
Così sono i giorni che stiamo attraversando in queste nuove terre inesplorate, ogni passo che muoviamo, ogni pianta o essere che avvistiamo, è possibile che mai occhio vi si sia posato prima d’ora. Quindi codesto viaggio è pieno di storie che andranno raccontate al fine di racchiuderle in un unico e grande cantico dell’era che stiamo vivendo. Non sappiamo cosa ci si parerà innanzi, o tantomeno quali misteri abbiamo superato senza neppure prestarvi attenzione.
Tuttavia è qui che la storia si incrocia con le storie di ognuno, rendendola viva e vivida e permettendoci di ricordare i nostri nomi anche per coloro che un giorno ritroveranno il tutto. Nomi certo, ma che rimarranno a imperitura memoria di quanto stiamo facendo qui come se incisi e rendendo perciò immortali noi tutti, pionieri della civiltà in questo mondo.

Rahamad ibn Hassur
Bibliotecario presso la compagnia quinta
Giorno diciannovesimo del dodicesimo mese

Continue reading